F1: dominio Leclerc a Monaco, le Ferrari in prima fila

Grandi performance delle auto del Cavallino rampante: Perez sbatte e blocca Sainz e Verstappen, le Red Bull possono solo inseguire


28 maggio 2022


Prima fila tutta Ferrari nel Gp di Monaco, settima prova del Mondiale di Formula 1, con le Rosse di Maranello che imitano nel Principato l'exploit di quelle di Borgo Panigale al Mugello, dove cinque Ducati dominano la griglia di partenza del Gp d'Italia MotoGp. I risultati delle prove libere avevano mostrato un Cavallino davvero rampante e nelle decisive qualifiche Charles Leclerc ha tenuto dietro tutto con un tempone piazzato in avvio delle Q3, risultato inavvicinabile sia dal compagno di squadra, Carlos Sainz, sia dalle sempre minacciose Red Bull, che occupano l'intera seconda fila. Il monegasco avrebbe anche potuto migliorarsi, ma nei momenti decisivi uno schianto sul guard-rail di Sergio Perez prima del tunnel, con Sainz incapace di evitarlo, ha congelato la situazione e rimandato tutto alla gara.

'Padrone di casa' fin qui piuttosto sfortunato sulle vie che lo hanno visto crescere, il monegasco Leclerc è apparso felice appena sceso dalla F1-75 con la quale ha un feeling quasi perfetto, ma la storia di domani è tutta da scrivere, con un meteo incerto che potrebbe aggiungere pepe alle note insidie del tracciato. "La pole qui è molto speciale, Sono davvero felice -. le parole di Leclerc -. Sapevo di avere il passo, dovevo portare a termine il lavoro. L'ultimo giro prima della bandiera rossa è stato davvero molto buono, la macchina dava sensazioni fantastiche. Avere Carlos al mio fianco poi è fantastico. Con l'asciutto sarà tutto più prevedibile, ma noi saremo competitivi in qualunque situazione". Grande ottimismo, insomma, e voglia di riprendersi la leadership del mondiale su un Max Verstappen un po' frustrato per l'errore del compagno di squadra.

"La pole era fuori portata ma il secondo posto lo meritavamo - ha detto l'olandese -, partire in prima fila sarebbe stato importante". Il timore è che la superiorità mostrata dalle Ferrari si traduca in un monologo rosso, perché almeno tra le sue mani la Red Bull ha sempre avuto problemi di eccessivo sottosterzo. E poi c'è il fattore Sainz, visto che lo spagnolo sembra aver messo alle spalle le recenti titubanze ed è pronto a lottare a fianco di Leclerc: "L'incidente a Perez mi ha negato la possibilità di tentare l'assalto alla pole, che era possibile - ha sottolineato lo spagnolo . Comunque domani possiamo ottenere un grande risultato per il team, andremo all'attacco per provare a completare l'opera".

Dietro ai primi quattro sarà bagarre, perchè la terza fila vede affiancati i due britannici rampanti Lando Norris con la McLaren e George Russell con la Mercedes, entrambi affamati ma solidi. Dietro a loro, ben tre pluricampioni del mondo, con Fernando Alonso che ha piazzato la sua Alpine davanti alla W13 di Lewis Hamilton, seguito a ruota da un redivivo Sebastian Vettel con l'Aston Martin. L'ultimo della top 10 è Esteban Ocon, con la seconda Alpine.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.