reggio
cronaca

20 anni fa moriva John Cage, l’arte gli rende omaggio

Questa sera nella Corte dei Papi a Casanova lo spettacolo musicale “Icarus against Muzak”


05 agosto 2012 di Evaristo Sparvieri


LIGONCHIO. Era nato a Los Angeles il 5 settembre 1912 e morì a New York il 12 agosto del 1992. Nell’arco di 80 anni di vita, John Cage ha rivoluzionato il mondo della musica contemporanea, esplorandone tutte le potenzialità fino a far risuonare persino il silenzio, come condizione umana ed espressione artistica. Nell’anno in cui si celebrano il ventennale della morte e il centenario della nascita di uno dei musicisti fondamentali del Novecento, si moltiplicano in Italia e nel mondo serate tributo e omaggi. Ricorrenze che non sono sfuggite agli organizzatori di Chiaro di Luna 2012, il festival di musica itinerante che sta animando i borghi e le piazze del nostro Appennino, a cura della Comunità Montana in collaborazione con l'associazione “Cantieri d'arte” e con il patrocinio dell’istituto superiore di studi musicali di Reggio Emilia e Castelnovo Monti, sotto la direzione artistica di Matteo Malagoli e Giovanni Mareggini. Proprio questa sera alle 21, nella Corte dei Papi di Casanova di Ligonchio, è in programma un appuntamento imperdibile: “Icarus against Muzak”, il titolo della serata, per un progetto a cura di Simone Beneventi, percussionista solista. Sul palco, anche le percussioni di Gabriele Genta, Francesco Pedrazzini, Chiara Schiatti e Niccolò Tommassello. Si tratta di uno degli eventi di punta della rassegna, che proseguirà domani a Cagnola di Castelnovo Monti con il Concerto Barocco di Alexandra Grebovic, Michele Gadioli e Ioana Carasau e proseguirà per tutta la settimana. La chiusura della kermesse è in programma venerdì 10 agosto, nella chiesa parrocchiale di Gova di Villa Minozzo, con “Nel nome della madre”, un concerto in onore della notte di San Lorenzo.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.