reggio
cronaca

Caccia cinghiali con munizioni proibite

Villa Minozzo: bracconiere di 79 anni, senza licenza nè protezioni, scoperto dai vigili provinciali e denunciato alla procura


26 novembre 2012


VILLA MINOZZO

Non c’è limite di età per seguire le proprie passioni. E alle volte non c’è limite di età nemmeno per farlo infrangendo le regole più elementari. Ecco allora che, in una bella giornata domenicale, un cacciatore 79enne ha ben pensato di andare a caccia di cinghiali nell’alto crinale senza licenza, con tanto di fucile carico di munizioni proibite e anche utilizzando un apparato radio in grado di ascoltare le comunicazioni dei cacciatori regolarmente autorizzati, nella cui battuta cercava di intrufolarsi.

Non bastasse, con una vena di follia, ha fatto tutto questo senza indossare i capi d’abbigliamento ad alta visibilità – obbligatori per le battute di caccia al cinghiale – mettendo in grave pericolo la propria incolumità in un periodo in cui si susseguono gli incidenti di caccia a causa del “fuoco amico” durante le battute, anche tra chi si attrezza con l’abbigliamento corretto. Nelle ultime settimane ad essere feriti dai colpi sparati da colleghi di battuta sono stati un 58enne di Vetto a Fornolo di Ramiseto il 12 ottobre, un 75enne di Scandiano vicino al Castello di Carpineti il 10 novembre, un 66enne di San Polo a Roncaglio di Canossa il 14 novembre.

Precedenti che configurano l’imprudenza di quest’ultimo bracconiere quasi come un tentato suicidio. La vicenda ha visto dunque nella giornata di domenica l’arzillo e incosciente bracconiere aggirarsi per la zona di battuta al cinghiale fin quando non è stato fortunatamente sorpreso, nonostante la zona impervia e la fitta boscaglia, dagli agenti della polizia provinciale.

I quali lo hanno denunciato alla procura della Repubblica per porto abusivo d’armi (sequestrandogli fucile, munizioni proibite e apparato radio), ma gli hanno anche evitato di finire impallinato nel bel mezzo della battuta di caccia al cinghiale nella quale stava cercando in intrufolarsi.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.