reggio
cronaca

Dallari contrattacca: "Solo pubblicità televisiva sempre pagata"

Il presidente della Cna, indagato per evasione fiscale nell'ambito del caso Gibertini, si dice pronto a dimostrare la propria innocenza


09 dicembre 2014 Enrico Lorenzo Tidona


REGGIO EMILIA «Ho fatto solo della pubblicità in un programma televisivo e in modo assolutamente regolare: la scritta della mia azienda era ben visibile, basta riguardare le puntate di Poke Balle su Youtube». Nunzio Dallari è già stato sentito in procura ma dice di essere spiazzato dopo la notizia venuta a galla che lo vede indagato per presunta frode fiscale all’interno della maxi inchiesta “Octopus”. Un nome che fa scalpore, quello di Dallari, perché si tratta dell’attuale presidente della Cna di Reggio, tra le più grandi territoriali degli artigiani in Italia.

L’imprenditore di Baiso è l’ex braccio destro di Tristano Mussini, uomo di vertice dell’associazione che si fece da parte nel 2013 per seguire la sua azienda in concordato, la quale spunta nella stessa inchiesta per un giro di fatture da 17mila euro. Stessa storia per Mirco Salsi, ex titolare della Reggiana Gourmet e vice di Mussini in Cna, anche lui indagato nell’inchiesta insieme ad Andrea Rossi, funzionario della Cna di Bagnolo.


Dallari si dice assolutamente innocente, «l’ho detto anche in procura». I suoi guai derivano da tre fatture emesse tra il 2009 e il 2011 dalla “Gibertini comunicazioni” per un totale di 25mila euro e relative alla pubblicità nel fortunato programma tivù Poke Balle. Tutto regolare se non fosse che il conduttore televisivo Marco Gibertini è ritenuto la figura centrale della maxi frode fiscale stimata in 33 milioni di euro che lo scorso giugno portò all’emissione di misure restrittive nei confronti di tredici persone. Proprio l’importo delle fatture versate da Dallari sarebbe giudicato eccessivo, fatto rilevato nelle indagini della Guardia di Finanza coordinate dal Pm Valentina Salvi, che nel frattempo sono proseguite allargando il loro perimetro e dividendosi in tanti rivoli.

«Io sono sereno - dice il titolare della ditta Autotrasporti Dallari srl - a dirlo è il mio stesso percorso professionale e di vita. E poi, secondo lei, cosa avrei da guadagnare con una frode per poche migliaia di euro con un’azienda come la mia che fattura 4 milioni? Non avrebbe alcun senso».
Dallari, quindi, conferma la sponsorizzazione («dalle mie parti la trasmissione era molto seguita»), sostenuta anche da altri imprenditori locali. Ma dopo un piccolo sfogo verbale, il presidente della Cna decide di non commentare più la questione, affidando a una nota la sua “difesa” d’ufficio: «Sulla notizia dell'indagine in corso sulla mia persona per presunta evasione fiscale, mi sento di confermare fiducia e pieno sostegno agli inquirenti e al lavoro che il sostituto procuratore Valentina Salvi sta svolgendo e attendo gli esiti delle indagini auspicando che la giustizia faccia velocemente il suo corso».

La nota arriva dalla Cna di Reggio, che non prende però posizione in merito in attesa di sapere quale sarà il giudizio da parte della base e dei vertici. Dopo gli arresti di giugno la Cna avviò un giro di vite nell’associazione per bocca dello stesso Dallari, che fu lapidario. «Se un’azienda non rispetta le regole deve chiudere».

«Ciò che francamente mi dispiace - conclude ora l’imprenditore - è che il mio nome venga abbinato a un'inchiesta che ha tutt'altra origine, protagonisti e ramificazioni e che ciò possa anche solo scalfire il prestigio e l'autorevolezza dell’associazione che in questo momento io rappresento ai massimi vertici». «Siamo fiduciosi di poter dimostrare l'assoluta estraneità di Dallari ai fatti contestati - fa sapere il suo avvocato, Nino Ruffini - Produrremo alla procura della Repubblica il risultato di indagini difensive che stiamo raccogliendo in questi giorni».
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.