reggio
cronaca

Botte a moglie e figlie, 50enne scarcerato

Cavriago: non può però avvicinarsi alla casa familiare. Lui nega e chiede l’intervento dei servizi sociali


31 maggio 2016


CAVRIAGO. Per il momento non parla in udienza il 50enne (di cui non forniamo le generalità per tutelare la privacy della moglie e delle due figlie minorenni) che sabato è stato arrestato con l’accusa di lesioni aggravate al termine di una brutta lite domestica con la propria compagna.

E tramite l’avvocato difensore Marco Scarpati – sempre ieri in tribunale a Reggio – si è allineato al divieto di avvicinamento alla casa familiare chiesto dalla procura. Tutte mosse che comunque preludono a ben altro nella prossima udienza. Dietro alla lite a suon di stampellate (l’imprenditore non si è ancora ripreso da un’operazione alla gamba e ha problemi di deambulazione) che gli contestano i carabinieri, vi è infatti una versione ben diversa del marito che ha l’intenzione di dimostrare come l’unico veramente ferito sia stato lui e che il sangue trovato addosso alla donna fosse quello del 50enne. Ma soprattutto dietro a questo violento litigio vi sarebbe una profonda crisi di coppia. «Abbiamo chiesto noi l’intervento dei servizi sociali – si limita a dire l’avvocato Scarpati – per dirimere la questione. Daranno loro tempi e metodi per la gestione della famiglia. Conseguente anche la scelta di non abitare più con la moglie, ora starà da parenti, il mio assistito ha bisogno di cure mediche».

I carabinieri – coordinati nell’indagine dal pm Stefania Pigozzi – la pensano diversamente, anche se a dare l’allarme poso dopo le 22 di sabato è stato proprio l’uomo. Per gli inquirenti il marito ha utilizzato la propria stampella per colpire la moglie più volte (da qui tagli e lividi), il tutto nonostante che la donna avesse in braccio la figlia più piccina e la più grande (7 anni) fosse accanto a lei (tanto che anche le due piccole avrebbero riportato delle lievi ferite).(t.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.