reggio
cronaca

Quaranta giovani insieme per promuovere il paese

San Martino: stasera la presentazione di Smart, gruppo di ragazzi 15-30enni «Primi obiettivi: cultura, educazione civica e rifacimento del campo da basket»


09 dicembre 2016 di Serena Arbizzi


SAN MARTINO IN RIO. Un gruppo numeroso, che raduna una quarantina di giovani, con età che oscilla fra i 15 e i 30 anni, tutti desiderosi di ribadire forte e chiara la propria identità sammartinese e di creare e far conoscere eventi importanti in paese.

Si presenterà ufficialmente questa sera alle 21, alla sala d’Aragona della rocca estense, uno dei luoghi simboli di San Martino, il gruppo “Smart”, che si propone da subito un argomento su cui lavorare e un obiettivo ambizioso: rifare il campo da basket al cosiddetto “parco della nave” per rendere possibili gli allenamenti anche ai giovani che non sono iscritti alle società sportive.

«Prima o poi arriva il giorno in cui, alla capacità di individuare problemi e mancanze nella realtà che ci circonda, si aggiunge un forte desiderio di cambiamento – spiegano Francesca Nicolini e Siddharta Pandit, due dei promotori dell’iniziativa –. Qualche mese fa, chiacchierando con un gruppo di amici, è arrivato il nostro giorno: il giorno in cui, finalmente, abbiamo voluto mettere in atto quel forte desiderio di novità. Trascorrendo gli anni delle scuole superiori tra Correggio e Reggio Emilia, abbiamo potuto constatare quanto sia forte la tendenza ad allontanarsi pian piano, sempre di più, dal paese in cui siamo cresciuti: San Martino. Le giornate di studio nella biblioteca universitaria, l’aperitivo a Correggio, il sabato sera in qualche locale della provincia».

«Siamo i primi a dire che è positivo conoscere altri luoghi e persone – aggiungono Francesca Nicolini e Siddharta Pandit – ma perché non possiamo creare occasioni di aggregazione giovanile anche nel nostro Comune? È da questa riflessione che tutto è cominciato. Aggiungiamo a ciò la voglia di incrementare il senso di responsabilità verso il bene comune, soprattutto tra i giovani, ed ecco che nasce l’idea di formare uno staff che coinvolga tutti i ragazzi e le ragazze di San Martino, con l’obiettivo di organizzare eventi di tipo culturale, sportivo e ricreativo. Immaginate quanto sarebbe bello poter ospitare un grande evento aperto a chiunque per il quale possiamo orgogliosamente dire ai nostri amici: “tieniti libero questo weekend, vieni a San Martino”. Per giorni abbiamo pensato a un nome per questo nuovo staff. Volevamo trasmettere un concetto e allo stesso tempo legarlo al nostro Comune: “Smart” significa intelligente, arguto e contiene in sé la parola “Art”, arte. Allo stesso tempo, si tratta di un’abbreviazione del nome del paese: S.Mart(ino). Insomma, pensiamo possa trasmettere la nostra idea di una collaborazione di gruppo aperta e innovativa, idealista e allo stesso tempo pragmatica. Abbiamo il duplice scopo di migliorare l’offerta culturale per i giovani di San Martino e contribuire, allo stesso tempo, ad un’educazione civica attiva. L’idea per questa prima edizione è di occuparci di sport. Vorremmo organizzare una serie di eventi con sportivi che da San Martino in Rio sono partiti per raggiungere risultati importanti. Come Alessia Gennari. Ci piacerebbe inoltre rifare il campo da basket al parco della nave – concludono gli organizzatori – per permettere a chi non è iscritto a una società di giocare ugualmente».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.