reggio
cronaca

Beni confiscati al clan, ora l’uso sociale

Progetti dei sindaci Colli (Montecchio) e Carletti (Bibbiano) sui patrimoni tolti a Vertinelli e Sarcone


08 agosto 2017


REGGIO EMILIA. Nel giro di pochi giorni sono state decise due rilevanti confische di beni ritenuti dalla magistratura di matrice mafiosa e che hanno colpito Palmo Vertinelli (nell’ambito della maxi operazione Aemilia e qui il provvedimento è stato preso dopo una lunga battaglia legale in tribunale a Reggio) e Nicolino Sarcone (relativamente agli accertamenti susseguenti alla sua condanna per Edilpiovra, con decisione presa dalla Corte d’appello di Bologna).

Proprietà che sono collocate rispettivamente in due comuni: Montecchio e Bibbiano. Da qui l’interesse da parte dei sindaci Paolo Colli ed Andrea Carletti per dare un “volto” diverso ad alcuni di questi immobili. Per la verità il primo cittadino di Montecchio si è mosso da tempo, prendendo contatti con l’organo competente, cioè l’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati. Quindi è già realtà l’utilizzo di tre alloggi di via Galileo Galilei che ora accolgono diversi profughi. Ma quest’utilizzo virtuoso – in affitto – non dovrebbe fermarsi qui, come conferma il sindaco Colli.

«Nel nostro territorio vi sono diversi beni sequestrati e non solo a Vertinelli. Una questione delicata che stiamo affrontando da mesi con l’Agenzia preposta. C’è un progetto per utilizzare altri spazi per scopi sociali, per permetterne una fruibilità collettiva. Un progetto a cui teniamo e su cui continuiamo a lavorare». Sulla stessa linea d’onda il sindaco di Bibbiano che sul tema ha già illustrato il suo parere sul proprio profilo Facebook: «In merito ai beni, siti a Bibbiano, confiscati a Nicolino Sarcone nell’ambito del processo “Edilpiovra”, ci attiveremo al più presto presso gli enti competenti – scrive il sindaco Andrea Carletti – per verificare le possibilità di mettere in campo un progetto che preveda un utilizzo pubblico, con finalità sociali, di tali proprietà».(t.s.)

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.