reggio
cronaca

Raccolta funghi in Appennino, sconti ma solo ai non residenti

Ventasso: dopo il recente rincaro dei tesserini e le conseguenti polemiche  il Consorzio Alto Appennino premia coloro che fanno acquisti nei negozi locali


05 settembre 2017


VENTASSO . Aveva suscitato polemiche il rincaro dei tesserini per la raccolta funghi decretato a inizio estate dal Consorzio Alto Appennino Reggiano, nato dalla fusione di diverse proprietà collettive (usi civici) delle frazioni dei Comuni di Ventasso e Villa Minozzo e i consorzi forestali precedentemente attivi sul crinale e da quest’anno designato da parte dell’Unione dei Comuni e del Parco nazionale alla gestione di questa attività che coinvolge migliaia di appassionati di tutta la provincia.

Un rincaro che aveva colpito soprattutto i cercatori residenti al di fuori dell’Appennino, e su cui poi si è intervenuto cercando di mitigarne gli effetti anche a seguito delle proteste di questi ultimi. Ora, in attesa che le piogge degli ultimi giorni e altre che si auspica arrivino prossimamente possano dare il via a una buona “buttata” di funghi, per ora molto rari sul crinale per la siccità, il Consorzio ha attivato un’ulteriore iniziativa per promuovere la vendita dei tesserini validi per “l’area d’eccellenza”, ovvero quella a maggiore vocazione fungina sul crinale tra il Cusna il Prampa, e in particolare proprio per i non residenti nell’Unione dei Comuni Montani. La promozione si chiama “Io compro in Appennino” e sarà attiva dal 9 settembre.

“Dopo il letargo estivo – spiega con una nota il Consorzio Alto Appennino – che per le proporzioni è stato quasi un coma, con l’arrivo delle piogge speriamo e contiamo nel risveglio del bosco. Come già annunciato il Consorzio propone una promozione per l’acquisto degli stagionali per il 2018. La promozione riguarda esclusivamente gli stagionali per i non residenti dell’Unione, lo stagionale da 180 euro per intenderci. Il senso della promozione è quello di agevolare chi il nostro Appennino lo vive e lo ama veramente, anche se abita lontano. Dimostrando di spendere in Appennino si potrà ottenere uno sconto sull’acquisto dello stagionale per il 2018 che potrà arrivare anche a 80 euro.

E’ un meccanismo che nelle intenzioni del Consorzio verrà mantenuto anche negli anni futuri: chi vive ed ama l’Appennino è giusto che abbia delle agevolazioni, chi compra lo stagionale per raccoglie funghi e non lascia niente sul territorio è altrettanto giusto che paghi un prezzo pieno”. Conclude la nota del Consorzio: “Eccezionalmente, la promozione riguarda in questa prima edizione anche gli stagionali per il 2017, in questo caso costituita da buoni spesa da utilizzare negli esercizio convenzionati”.

Per arrivare ad ottenere gli sconti sul prossimo tesserino sarà necessario dimostrare di avere fatto spese presso esercizi e operatori economici dei Comuni di Ventasso e Villa Minozzo oltre che nei punti vendita dei tesserini nei comuni di Baiso, Canossa, Carpineti, Casina, Castelnovo Monti, Vetto e Viano che hanno aderito alla promozione.

Per ottenere il buono spesa e lo sconto per il 2018 sarà necessario presentare il foglio “lista spesa” compilato allegando gli scontrini, fatture o ricevute; gli scontrini dovranno riportare il timbro che il Consorzio ha distribuito agli esercenti ed essere stati emessi dopo la data del 9 settembre 2017. Il timbro di validazione sarà obbligatorio per ottenere le agevolazioni. I dettagli sono presenti sul sito www.altoappenninoreggiano.it. (l.t.)
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.