Reggio



«Da qui si finanziò l’omicidio di Dragone»

Valerio parla di 200mila euro pagati da Sarcone, Blasco e Diletto. Indica anche chi partì per Cutro

04 ottobre 2017


REGGIO EMILIA. Tanti soldi e uomini da Reggio Emilia per uccidere – nel maggio 2004 – il boss Antonio Dragone, al culmine della sanguinaria faida interna alla cosca.

Sono rivelazioni pesanti quelle di Antonio Valerio che chiama “architetto” Nicolino Grande Aracri riferendosi alla strategia messa in atto in quegli anni per avere il controllo del clan, specificando che progettare l’uccision...

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 01954630495

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.