reggio
cronaca

Castelnovo Sotto: citofona ai carabinieri per farsi arrestare, poi li aggredisce e finisce in manette

Il protagonista di questa vicenda è un uomo di 35 anni, che era sotto l'effetto dell'alcol


27 novembre 2021


CASTELNOVO SOTTO. Prima ha citofonato più volte alla caserma dei carabinieri chiedendo di essere arrestato. Poi ha aggredito i carabinieri, finendo davvero in manette. L'episodio si è verificato questa notte a Castelnovo Sotto e ha visto protagonista un trentacinquenne abitante nel paese che ha agito probabilmente sotto l'effetto dell'alcol.

Tutto è iniziato intorno alle 5, quando l'uomo, di origine nordafricana, si è presentato alla caserma dei carabinieri suonando insistentemente il citofono e chiedendo più volte di essere arrestato. L'operatore ha inviato un equipaggio dei carabinieri di Gualtieri che però non sono riusciti a rintracciare il trentacinquenne, nel frattempo allontanatosi. Dopo circa un'ora lo stesso è tornato: qui ha divelto la tabella degli orari e lanciato una bottiglia di birra contro il muro, scavalcato la recinzione alta oltre due metri per poi incominciare a prendere a calci la porta d'ingresso della caserma nel tentativo di sfondarla. L'arrivo di una pattuglia dei carabinieri di Gualtieri, poi raggiunti dai colleghi di Castelnovo sotto, non ha comunque calmato l'uomo che ha aggredito i militari con calci e pugni. una rissa conclusasi solo quando finalmente i carabinieri sono riusciti ad ammanettare il trentacinquenne. Due militari sono rimasti feriti e sono dovuti ricorrere alle cure mediche. Diverse le accuse per il protagonista della vicenda: resistenza, violenza, lesioni personali, danneggiamento e ingresso arbitrario in luoghi ove l'accesso è vietato.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.