reggio
cronaca

Spia la moglie con la telecamera nascosta nella camera da letto

Allontanato da casa, ha il divieto d’avvicinamento e dimora a Reggio e Modena Le indagini rivelano minacce, violenze fisiche e una sorveglianza asfissiante 


07 dicembre 2021 J. D. P.


Rubiera. È arrivato a piazzare una telecamera nella stanza da letto per controllare la moglie quando era assente. Una gelosia patologica, che un uomo di 48 anni ha espresso con una sfilza di comportamenti violenti.

Lo stalker voleva sorvegliare la moglie in ogni momento, ed è arrivato a farlo tramite la telecamera che era collegata al suo telefono cellulare.

Le indagini dei carabinieri di Rubiera hanno portato la procura di Reggio Emilia a chiedere al gip una serie di provvedimenti a tutela della vittima.

La magistratura sabato scorso ha disposto l’allontanamento da casa del 48enne, oltre che il divieto di dimora nelle province di Reggio Emilia e Modena (dove la vittima si reca regolarmente). Lo stalker non può avvicinarsi né comunicare con la donna. La misura è stata notificata immediatamente al diretto interessato.

Il provvedimento è stato emesso anche in considerazione del fatto che l’uomo metteva in atto i suoi comportamenti vessatori ormai da anni.

Minacce di morte, offese di ogni genere e violenze fisiche, anche alla presenza dei figli minori, sono solo alcune della vessazioni che la signora ha subito durante la difficile convivenza con il marito.

Uno degli aspetti più inquietanti che le indagini hanno rivelato sono stati i controlli asfissianti a cui la vittima era sottoposta.

Le vessazioni psicologiche verso la donna consistevano anche nell’invio sul suo telefono di immagini erotiche sgradite, accompagnate da frasi sconce.

J. D. P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.