reggio
cronaca

«Il boom dei costi energetici mette a rischio l’agricoltura»

Albertino Zinanni, Coldiretti Reggio Emilia: «La promozione di reti energetiche alternative contribuirebbe a contrastare la crisi economica delle famiglie e delle imprese»


19 febbraio 2022


REGGIO EMILIA. Con lo sviluppo del biometano agricolo Made in Italy “dalla stalla alla strada” è possibile immettere nella rete 6,5 miliardi di metri cubi di gas “verde” da qui al 2030 e arrivare a rappresentare il 10% del fabbisogno della rete del gas nazionale, riducendo la dipendenza del Paese dall’estero e fermando i rincari che stanno mettendo in ginocchio le imprese. È quanto emerge da un’analisi Coldiretti diffusa in occasione della grande mobilitazione con decine di migliaia di allevatori ed agricoltori con trattori e animali che hanno lasciato le campagne per scendere in piazza da Nord a Sud d’Italia. A Piacenza presente anche la Coldiretti reggiana con il direttore Albertino Zinanni.

«I rincari di elettricità e gas stanno avendo un impatto devastante sulla filiera agroalimentare – sottolinea Zinanni –. La promozione di reti energetiche alternative contribuirebbe in modo determinante sia alla transizione green che a contrastare l’aumento dei costi per famiglie e imprese. Con il patrimonio zootecnico della nostra provincia – continua Zinanni – giochiamo sicuramente un ruolo strategico nel ciclo virtuoso di gestione delle risorse, taglio degli sprechi, riduzione delle emissioni inquinanti e sviluppo della ricerca scientifica in materia di carburanti green».

Partendo, ad esempio, dall’utilizzo degli scarti delle coltivazioni e degli allevamenti – sottolinea la Coldiretti – è possibile arrivare alla realizzazione di impianti per la distribuzione del biometano a livello nazionale per alimentare le flotte del trasporto pubblico come autobus, camion e navi oltre alle stesse auto dei cittadini.

Gli impianti di biogas in Italia – spiega la Coldiretti – oggi producono 1,7 miliardi di metri cubi di biometano ma è possibile quadruplicare questa cifra nel giro di meno di dieci anni con la trasformazione del 65% dei reflui degli allevamenti.

Un aiuto importante potrebbe venire anche dal fotovoltaico pulito ed ecosostenibile per il quale – ricorda Coldiretti – sono tra l’altro previsti 1,5 miliardi di euro di fondi nell’ambio del Pnrr. Secondo uno studio di Coldiretti Giovani Impresa, solo utilizzando i tetti di stalle, cascine, magazzini, fienili, laboratori di trasformazione e strutture agricole sarebbe possibile recuperare una superficie utile di 155 milioni di metri quadri di pannelli con la produzione di 28.400Gwh di energia solare, pari al consumo energetico complessivo annuo di una regione come il Veneto.

«È importante cogliere le opportunità che vengono dall’economia circolare dotando il Paese di una riserva energetica sostenibile attraverso un fotovoltaico “intelligente” che non consuma suolo fertile e una rete per il biometano – rimarca Zinanni – e in tale ottica è importante sbloccare la proroga degli incentivi al biogas e finanziamento degli impianti che hanno presentato domanda al Gestore dei Servizi energetici (Gse) per favorire la transizione ecologica ed evitare di fare un favore alle multinazionali straniere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.