reggio
cronaca

"Aemilia ha inferto un duro colpo alla 'ndrangheta in Emilia"

Sottili (Psc Assieme) commenta il verdetto di Cassazione e si complimenta con i carabinieri per il lavoro svolto


08 maggio 2022


Reggio Emilia. “La Corte di Cassazione ha ampiamente confermato le condanne decise della Corte di Appello di Bologna nel maxi-processo di 'Ndrangheta 'Aemilia' e così pure il quadro accusatorio della storica grande operazione contro le infiltrazioni e il radicamento della criminalità organizzata calabrese in Emilia-Romagna, scattata nel 2015 con 117 arresti”.

Queste le parole del segretario nazionale dell’associazione professionale a carattere sindacale PSC Assieme Massimiliano Sottili che intende esprimere il personale plauso ai carabinieri del nucleo investigativo di Reggio Emilia e più generalmente ai carabinieri del comando provinciale reggiano per l’eccellente attività investigativa svolta congiuntamente ai colleghi dell’Arma di Parma, Piacenza e Bologna.

“Aemilia - prosegue Sottili – non ha certo posto la parola fine al radicamento della criminalità organizzata nel tessuto socio-economico emiliano, ma sicuramente ha inferto un duro colpo alla ndrangheta che in Emilia e soprattutto nella provincia reggiana riteneva di poter agire indisturbata. I colleghi reggiani, ma anche quelli di altre realtà provinciali, da ieri sera sono impegnati in maniera diuturna nella ricerca e cattura dei destinatari dei provvedimenti restrittivi conseguenti alla pronuncia della Corte di Cassazione. A loro è rivolto il pensiero dell’associazione PSC Assieme che esprime il plauso ai colleghi per l’attività svolta”.

“Siamo certi come associazione che la 'ndrangheta – conclude Sottili - nella provincia di Reggio Emilia non avrà vita facile. A dimostrarlo anche l’incisiva attività nel senso egregiamente condotta dal prefetto di Reggio Emilia Iolanda Rolli. Basti pensare, per quello che risulta a questa associazione, che negli ultimi anni oltre 100 sono stati i provvedimenti interdittivi antimafia emessi dalla prefettura di Reggio Emilia. Ciò a riprova della massima attenzione riposta sul fenomeno anche dal signor Prefetto, massima espressione dell’orine e della sicurezza pubblica in provincia, a cui va il nostra grazie".

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.