reggio
cronaca

Castelnovo Monti. Il parco viene intitolato ad Angelo Vassallo

Domani alle 19,30 la cerimonia in via Monzani


19 maggio 2022


Castelnovo Monti Domani alle 19.30 il parco pubblico sul tetto del supermercato Coop di via Monzani, in centro, sarà intitolato ad Angelo Vassallo, il “sindaco pescatore” di Pollica, assassinato nel settembre 2010. Vassallo è stato un amico e collaboratore del Comune di Castelnovo Monti nell’ambito della comune appartenenza alla Rete nazionale delle Cittaslow. All’intitolazione parteciperanno il sindaco Enrico Bini; la giunta; l’ex sindaco Gianluca Marconi, che fu colui che collaborò direttamente con Angelo Vassallo, stringendo anche un rapporto di solida amicizia; il fratello di Angelo, Dario Vassallo, e altri membri della Fondazione Angelo Vassallo.

Gianluca Marconi: «Angelo è stato il “sindaco pescatore”, il paladino della legalità, il difensore dell’ambiente e del diritto al futuro dei giovani, l’Uomo, l’amministratore, il caro amico e grande vicepresidente ed anima delle CittaSlow. Angelo era un uomo vero. Il suo volto, ormai diventato patrimonio comune, sferzato dal vento del mare, segnato dal sole e dalle tante battaglie vinte per la sua terra e la sua comunità, il suo sguardo vivo e penetrante, attento e comprensivo, il suo rassicurante sorriso, lo rendono indimenticabile anche a chi non lo ha conosciuto. Noi abbiamo avuto la fortuna di conoscerlo. Marito e padre affettuosissimo e presente. Ricordo con affetto la moglie Angelina ed i figli Giusy e Antonio, i fratelli, tutta la sua famiglia, con la quale ha svolto per anni la tradizione famigliare di pescatore e con cui ha soprattutto condiviso le battaglie politiche, ambientali e di legalità. L’Uomo Vassallo sprizzava istintivamente saggezza, quella saggezza dal sapore antico, tipica di chi la terra e il mare l’hanno conosciuti davvero. Ad essa Angelo accompagnava una caratteristica rara e speciale: la capacità di visone del futuro. Angelo era il sindaco di Pollica (Salerno), cittadina della costa del Cilento, località costiera del nostro splendido e martoriato Sud. Qui Angelo in 15 anni era riuscito a immaginare prima e a realizzare poi una piccola immensa rivoluzione, trasformando un piccolo borgo in un luogo dove era ed è bello vivere, impegnandosi in diversi settori, con creatività, competenza, rigore. Prima di tutto l’ambiente: come guardava lui il suo mare ed i suoi monti, non lo si dimentica in fretta. Il suo narrare del tutto particolare della sua terra in occasione di conferenze in Italia e all’estero esprimeva l’amore, l’attaccamento, il grande rispetto per la propria gente e per la sua Pollica. Tra i 1000 progetti attuati, ricordo solo alcuni esempi: il depuratore che da anni rende il tratto della costa di Acciaroli e Pioppi uno dei più puliti d’Italia (5 vele a Pollica di Legambiente nel 2010); la raccolta differenziata porta a porta; Pollica capofila di un progetto per risorse energetiche rinnovabili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.