reggio
cronaca

Cresce lo studentato Unimore: 75 posti letto e un auditorium a Reggio Emilia

I lavori partiranno entro il 15 luglio e dureranno 705 giorni


18 giugno 2022


Reggio Emilia Settantacinque nuovi posti letto, un auditorium, uno spazio ristoro, una palestra, sale studio e riunioni. Così lo studentato al padiglione Marchi entra sempre più nel vivo.
Partirà entro il 15 luglio il secondo stralcio dei lavori al Campus universitario San Lazzaro. Il cantiere ha una durata prevista di poco meno di due anni (705 giorni). 

I 75 posti letto aggiuntivi si vanno a sommare ai 46 realizzati presso lo studentato nel primo stralcio per un totale di 121 posti letto aggiuntivi rispetto all’offerta iniziale.
Erano 332 i posti letto disponibili nelle varie strutture gestite dall’università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Ergo, Acer, Fondazione Manodori, Debrao e Oratorio Don Bosco.

Saranno 453 nei prossimi due anni per coprire le esigenze soprattutto degli studenti fuori sede per la sede reggiana che a oggi ospita 10.557 iscritti complessivi, di cui circa 2.500 frequentanti lo stesso Campus.
L’accesso allo studentato avverrà dal lato sud, collegato al parcheggio e controllato da un servizio di portierato attivo 24 ore su 24. L’accesso del lato nord, collegato al Campus, sarà consentito nelle ore diurne agli utenti del Campus stesso.

I due ingressi permetteranno agli studenti di raggiungere l’auditorium da 216 posti, collocato nel cortile interno del fabbricato. Sarà realizzata una palestra con due sale corsi e spazi di servizio.

Vi saranno una sala studio, accessibile anche in orari serali, e un bar raggiungibile dal Campus. Tali servizi saranno realizzati nella zona nord della struttura, in modo da essere più facilmente raggiungibili dagli studenti Unimore. Previsti un percorso ciclo-pedonale e un sistema di scale e di rampe per accedere alla struttura.

Al primo piano vi saranno cinque alloggi con camera, bagno e angolo cottura. Dieci camere avranno una struttura definita “alberghiera”. Vi saranno spazi comuni, quali due cucine collettive, una sala multimediale in cui cimentarsi nella musica e nei giochi e una sala studio. In programma anche uffici e locali di servizio.

Al secondo piano vi saranno sette alloggi della prima tipologia con camera, bagno e angolo cottura. Altre tredici camere con bagno saranno di tipo “alberghiero”. Tre gli alloggi “a nuclei integrati” con un numero di camere variabili da quattro a cinque, due bagni, una cucina e una zona soggiorno. Quattro residenze complessive saranno attrezzate per persone con disabilità. Anche il secondo piano conterrà spazi comuni: due cucine collettive, una sala studio e una sala riunioni. Confermati i locali definiti “di servizio”.

Nel seminterrato saranno posizionati altri luoghi deputati alla quotidianità degli studenti: una lavanderia-stireria, depositi per la biancheria e i prodotti di pulizia, un magazzino, guardaroba per deposito bagagli. Nello stesso livello saranno posizionati i locali tecnici e il nuovo deposito per le bici, da cui sarà possibile accedere da una rampa sul lato est e dal porticato sul lato nord.

Lo spazio per le biciclette andrà a completare quello già esistente dopo il primo stralcio. Il seminterrato sarà raggiungibile anche grazie agli ascensori.

L’auditorium da 216 posti sarà ricoperto da travi di legno lamellare. La gradinata con solaio digradante potrà rendere migliore la visibilità delle persone al centro della scena. Il pavimento sarà realizzato in gomma, le poltroncine saranno dotate di piano ribaltabile per scrivere.

Studi appositi riguarderanno l’acustica per garantire una migliore fruizione. La sala regia e la piattaforma elevatrice saranno collocati sul lato est della struttura.

Il parcheggio esistente sarà dotato di ulteriori trenta posti per un totale che raggiungerà 76 stalli, a fronte dei 46 esistenti. Vi saranno posti auto di pertinenza esclusiva della residenza universitaria nella zona ovest. Tale area è stata recuperata nel corso del primo stralcio.

Dalla zona sud, di fronte alla via Emilia, sarà possibile accedere sia alla reception sia all’area esterna di pertinenza dello studentato.

Nell’area a nord dell’edificio troveranno posto un percorso vita e una platea in cui organizzare attività estive. Il percorso pedonale s’intersecherà nel tracciato esistente da nord a sud fra il padiglione Lombroso e il De Sanctis. Infine, è previsto un cancello per l’accesso dei mezzi di soccorso e di servizio. La riqualificazione avverrà all’insegna della sostenibilità e prevede il superamento delle barriere architettoniche.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.