Politica

Schlein pesca a Reggio Emilia per la segreteria nazionale del Pd, la sua scelta è Marwa Mahmoud

Serena Arbizzi
Schlein pesca a Reggio Emilia per la segreteria nazionale del Pd, la sua scelta è Marwa Mahmoud

La consigliera comunale: «Porterò lo spirito delle battaglie di questa terra»

08 aprile 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Reggio Emilia La consigliera comunale Marwa Mahmoud è stata nominata nella segreteria nazionale di Elly Schlein, con delega alla partecipazione e formazione politica.

Quando l’ha chiamata la segretaria nazionale, per comunicarle il suo nuovo incarico?

«Pochi giorni fa e ho il cuore che mi esplode di gioia e gratitudine – afferma Mahmoud –. Ringrazio infinitamente per la fiducia, so che comporta un onore indescrivibile e anche grande responsabilità. Sto ricevendo messaggi da tutta Italia ed è una bella occasione anche per Reggio Emilia».

Cosa porterà della città in questo incarico?

«Continuerò a vivere a Reggio Emilia e nel mio impegno di consigliera comunale. Di Reggio Emilia porterò il nostro modo di fare politica, la partecipazione, la democrazia dal basso, il modo di fare associazionismo, le nostre battaglie tipicamente emiliane».

Perché Schlein ha scelto di affidarle le deleghe alla partecipazione e alla formazione politica?

«Ci si poteva aspettare, infatti, che mi sarei occupata di immigrazione, cittadinanza e pari opportunità: è una scelta quella di non accostarmi a queste deleghe e penso sia molto rilevante. Denota l’idea di cambiamento. Vero che ho competenze in quegli ambiti, ma c’è l’idea di smarcarsi da un cliché al quale vengo accostata. È anche l’idea di portare un cambiamento radicale. Fare scuola di partito di formazione politica significa riconoscermi le esperienze di cui sono portatrice e volerle mettere a sistema. C’è tutto il senso dell’attivismo in questa delega».

Quali saranno i suoi primi obiettivi?

«I prossimi step prevedono la direzione nazionale dove sarà ratificata la segreteria, poi ci sarà una prima convocazione in cui condivideremo gli obiettivi. Sono certa di non essere da sola. In segreteria entrano con me tutte le persone che in Italia credono nella buona politica, costruita dal basso. Entra la politica che sa guardare in lungo nel tempo e in largo nello spazio, che non perde di vista i bisogni delle persone, che non lascia indietro nessun essere umano. l