Gazzetta di Reggio

Sport

Reggiana, inizia il nuovo corso Compagni

Reggiana, inizia il nuovo corso Compagni

In mattinata Barilli ha firmato la cessione della società e poco dopo Stefano Compagni ha sancito il passaggio con tanto di firma e torta celebrativa

19 luglio 2015
3 MINUTI DI LETTURA





CASALGRANDE. "Mettetevi comodi inizia lo spettacolo". Con questa frase sulla maglietta e la foto della curva Sud, Stefano Compagni ha firmato l'atto d'acquisizione della Reggiana dalle mani di Alessandro Barilli. E' così iniziato il nuovo corso della Reggiana sotto la gestione Compagni-Vavassori.

[[atex:gelocal:gazzetta-di-reggio:reggio:foto-e-video:1.11801894:MediaPublishingQueue2014v1:https://www.gazzettadireggio.it/reggio/foto-e-video/2015/07/19/fotogalleria/il-nuovo-corso-reggiana-targato-stefano-compagni-1.11801894]]

Domenica mattina alle 11 Alessandro Barilli ha firmato le carte che sanciscono la fine del suo ciclo e qualche minuto dopo, a Casalgrande, è stato Stefano Compagni ha ratificare l'accordo. Ovviamente è stata l'occasione per amici e tifosi di festeggiare questo avvenimento in modo speciale con tanto di torna e del rituale della firma.

Questo il comunicato della società

"A.C Reggiana 1919 S.p.a. comunica che nella giornata di oggi è stato siglato l'accordo per il passaggio dell'84% delle quote del capitale sociale da Alessandro Barilli a Mectiles Italia srl. Il trasferimento verrà formalizzato nel corso dei prossimi giorni".

Reggiana: tutto è bene quel che finisce bene

Giusto così. Non esisteva un'alternativa all'ingresso del gruppo Mectiles e di Italsempione nella società granata. Era necessario che Alessandro Barilli favorisse questa operazione di trapasso e così è stato. Pensavo che fosse possibile una coabitazione e invece non è stato possibile. In qualche misura conosco l'impietosa legge dell'ex. Adesso che tutto è risolto nel migliore dei modi sento l'esigenza di formulare i migliori auguri al nuovo presidente in pectore Stefano Compagni, un tifoso di vecchia data dotato di entusiasmo e di amore sincero per la maglia granata, e con lui a Medici e a Vavassori impegnati in questa ambiziosa avventura. Ma é giusto e doveroso ringraziare anche Alessandro Barilli per il lavoro svolto in questi anni, Barilli, io ne sono testimone, acquisì la Reggiana quando la cooperazione se ne voleva disfare e nessuno, a parte qualche avventuriero, l'aveva richiesta. In questi anni il presidente ha messo mano allo stadio, dopo un quindicennio di assoluta incuria (io riaprii i distinti nel 2010 a seguito di un difficile accordo con la Developement), insieme lo abbiamo intestato a "Reggio Emilia città del tricolore". Ha reso possibile il trasferimento a Reggio di una squadra di serie A che ha portato risorse alla Reggiana e alla città di Reggio. Ha costituito una società immobiliare per l'acquisto dello stadio (il Comune gli ha concesso il credito dopo discussioni e divisioni). Ha poi avuto il merito di approfittare dell'acquisto dello stadio da parte di Mapei per rimpinguare le casse della Reggiana di indennizzi e sponsorizzazioni. Ha portato a Reggio Pietro Vavassori, che ci ha consentito di svolgere un campionato sfiorando la B e di costruire un solido futuro. Il lato negativo della sua gestione è costituito dai risultati sportivi. Tre campionati desolanti e in un caso una retrocessione evitata per miracolo. E conosco il metro di giudizio dei tifosi che guardano solo (com'è naturale) ai risultati. Oggi nuovi imprenditori entrano nella Reggiana con maggiori risorse ed è giusto che Barilli si faccia da parte. Ma non sarebbe giusto non rendere a lui i meriti acquisiti. Quando si costruisce il futuro è sempre opportuno non ignorare il passato. E guardarlo con generosa obiettività.
 
Mauro Del Bue