sport

La Conad fatica contro il Porto Viro ma alla fine si porta a casa il tie-break

Reduci dalla storica impresa di Coppa Italia, i giallorossi lottano palla su palla per non replicare il risultato d’andata


21 febbraio 2022 Francesca Manini


PORTO VIRO. Sono due punti sudati quelli di Porto Viro per la Conad Volley Tricolore, che impedisce alla Delta Group di replicare l’impresa dell’andata.

Se nella gara del 21 novembre la formazione del coach Tardioli si era imposta per 3-1 al pala Bursi, ieri si è dovuta arrendere di fronte alla determinazione dei giallorossi di Mastrangelo, colpevoli però di troppi errori.
Reduce dalla storica impresa di Coppa Italia, infatti, l’A2 reggiana è partita più carica che mai, dominando il primo set, poi si è persa in una lotta palla su palla che l’ha portata a rifugiarsi nel sesto tie-break stagionale vinto. I punti ora sono 28, mentre Porto Viro sale a 22.

Se Garnica al palleggio, Cantagalli opposto, Held e Cominetti in banda e Morgese libero sono ormai certezze nella metà capo dei Tricolore, la scelta fra i tre centrali sempre in lizza è caduta su Scopelliti e Zamagni, quest’ultimo pronto a farsi sentire già sul muro del 4-1 del primo set.
Il primo tempo avversario è stata chiamato poi sull’1-6 dopo l’errore in attacco dell’ex della gara insieme all’alzatore Fabroni, ovvero l’opposto Bellei. La prima “lavatrice” di Cominetti dai nove metri (così viene chiamata dai compagni la sua incredibile battuta) è stata tirata invece sul 2-8, con un ace da manuale nell’ultimo centimetro del campo. Il secondo tempo dei padroni di casa è stato speso sull’11-17, dopo il muro di Garnica su Mariano. Attenti e determinati, i giallorossi non si sono però fatti impensierire.

Nel secondo set Cantagalli contro tutti – con ben 10 punti personali – ha tenuto in corsa i suoi fino al 21-20: i molteplici errori in battuta hanno però condannato la Conad a perdere il set con pipe finale di Mariano.

Il terzo si è aperto con la fiera della battuta sbagliata e così è continuato fino al 20-20, quando Mastrangelo ha giocato la carta Marretta in battuta per il gran finale. La banda siciliana ha fatto svoltare la gara con una serie di battute corte che hanno costretto Porto Viro a un gioco più leggibile.

Nel quarto set la Conad si è persa: il tempo del 9-5 di Mastrangelo non ha risvegliato gli animi, con Bellei pronto a bombardare fino al 15-7. A nulla vale la rimonta fino al 24-20, il set è di Porto Viro.

Nel quinto torna in cattedra Held e la Conad prende il largo fino a blindare i due punti.
Ora si torna in campo mercoledì 23 febbraio alle 20 a Siena per il recupero della seconda giornata di campionato contro l’Emma Villas degli ex Pinelli e Mattei, mentre domenica 27 febbraio alle 16 Garnica e compagni riabbracceranno il pubblico amico per l’ottava giornata contro Brescia.

Nel mentre continuano gli appuntamenti del Volley Tricolore con i propri beniamini per far vedere da vicino la prima Coppa Italia della storia del club: l’appuntamento di oggi è alle 18 al Conad Reggio Sud, quello di domani alle 17 al Conad Superstore Le Querce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.