sport

Il Valorugby batte il Mogliano e si riprende il secondo posto

Partita combattuta con alcuni giocatori costretti a uscire per infortunio  ma i Diavoli conquistano i cinque punti necessari a tenere dietro il Rovigo


10 aprile 2022 Ginevra Del Bene Errico


REGGIO EMILIA. Grande riscatto per i reggiani della palla ovale che ieri, giocando più di un tempo con un atleta in meno, hanno asfaltato il Mogliano portando nel forziere 5 punti e riconquistando la seconda posizione sul 45-19.

Buona la prestazione dei veneti che tuttavia non sono mai riusciti a mettere veramente in difficoltà i padroni di casa.

Tutt’altra storia quindi rispetto all’andata, con un gruppo granata solido e concentrato. Ultimo match in casa e tanti festeggiamenti al Mirabello, con la mente già rivolta alle semifinali, nonostante manchi l’ultimo incontro con Colorno.

LA CRONACA

La partita inizia subito forte con il team di Salvatore Costanzo in attacco ad assediare le linee avversarie. L’intenzione è quella di mettere la partita sui binari di Mogliano, cercando il bottino grosso.

La meta tuttavia sfuma grazie a una difesa impareggiabile dei padroni di casa e in particolare di Giulio Bertaccini, premiato poi con il titolo di “Player of the match”.

Gli ospiti quindi devono accontentarsi di un calcio piazzato, bissato dopo 5 minuti da Ormson.

A gravare sulle spalle del Valorugby invece l’infortunio di Guido Randisi.

A lanciare i compagni verso la rimonta al 15’ e dare il via al match dei Diavoli è il solito Luus che, sospinto dalla mischia, schiaccia l’ovale oltre la linea di meta.

Da qui non c’è più storia. Gli emiliani infatti dominano su tutta la linea, sia in difesa che in attacco. I Leoni rispondono affidando il pallone sempre al piede dell’apertura. A mettere i bastoni tra le ruote dei granata anche l’infortunio di Chistolini che era entrato per Randisi.

A suonare la carica tuttavia ci pensa Garcia che, accelerando il gioco, trova il raddoppio portando il risultato sul 14-9.

Ma i padroni di casa sono lontani dall’essere soddisfatti, così vanno al raddoppio anche con Paletta e Schiabel, portando nel forziere di Roberto Manghi una meta di velocità e una di potenza da parte del pacchetto.

A fermare l’ascesa del Valorugby Emilia però arriva una mazzata, l’obbligo di giocare in 14 a causa dell’infortunio di Chistolini, confermato dopo gli accertamenti del medico. Quando si va negli spogliatoi il tabellone dice: 21-9.

La gara riprende come nel primo tempo. Il Mogliano approfitta della superiorità numerica per accorciare le distanze grazie a una meta di Drudi, spinto dalla mischia in area di meta. Newton allunga al piede, giornata strabiliante per lui che centra i pali per ben 7 volte.

Ormson risponde, ma non ci sarà nulla da fare. Al 74’ infatti i reggiani, dopo vari tentativi, riescono ad arrivare alla marcatura, subito dopo l’ammonizione assegnata a Finotto.

Durante l’azione da meta di Dell’Acqua, Drudi ha un brutto scontro con Mordacci, costringendo l’arbitro a estrarre il cartellino rosso.

La situazione numerica invertita (14 giocatori reggiani contro 13 veneti) permette ai padroni di casa di arrivare a marcare anche la sesta meta: una cavalcata personale di Dominguez, entrato in campo poco prima.

Giusto il tempo di piazzare e il giudice di gara emette il triplice fischio, fissando il punteggio sul 45-19.

Vittoria con bonus doveva essere e vittoria con bonus è stata. Il Valorugby festeggia cinque punti utili a riconquistare la seconda posizione in classifica alle spalle del Petrarca Padova.

Prossimo match, per l’ultima del girone di ritorno, la trasferta a Colorno sabato 23 aprile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.