sport

Un bomber e giovani da lanciare per la Reggiana di Goretti e Diana

Il mister si affida al nuovo ds per mettere sotto contratto talenti da valorizzare


18 giugno 2022 Wainer Magnani


Reggio Emilia La Reggiana del prossimo campionato non si discosterà molto dalla squadra che ha concluso la stagione al secondo posto con 86 punti, 25 vittorie e due sole sconfitte. 
Nonostante il logico desiderio del tecnico Aimo Diana di cancellare il passato per ricominciare da zero, è evidente che la Reggiana disponga di uno “zoccolo duro” di assoluta qualità tecnica ma soprattutto mentalizzato che in pratica gioca a memoria. 
Questo è il valore aggiunto rispetto alle concorrenti per la serie B e l'elemento dominante: iniziare la stagione con una perfetta conoscenza del gioco e degli schemi anche se l’allenatore granata Aimo Diana non mancherà di inserire alcune variabili, dato che è un allenatore sempre portato a innovare.

ASPETTANDO CIGARINI
La vera incognita della Reggiana del prossimo anno è proprio Luca Cigarini, il centrocampista che ha maggiormente inciso nella fisionomia e nel gioco della squadra granata. L’operazione al legamento crociato impone uno stop di cinque o sei mesi, il che significa che il “Professore” rientrerà tra novembre e dicembre. Nel frattempo occorrerà trovare un sostituito che possa alternarsi a Fausto Rossi, erede naturale in cabina di regia. Partendo dal presupposto che un clone di Cigarini non esiste, si potrebbe andare su un centrocampista giovane ma di spessore. Il primo nome che balza in mente è il reggiano Alessandro Mercati, ex Montevarchi, di proprietà del Sassuolo e indicato come uno dei migliori giovani della C, ma il ds Goretti potrà trovare alternative.

GIOVANI ED ESPERTI
Come detto la Reggiana ha 21 giocatori sotto contratto che potrebbero salire a 23 con i rinnovi di Libutti e Cremonesi. Per gli altri atleti svincolati (Scappini, Del Pinto, Russo, Marconi e Porcino) non è stata fatta ancora una riflessione approfondita ma il loro rinnovo sarà difficile. Eric Lanini è rientrato al Parma e nonostante la sua buona stagione (35 partite e 15 gol) sarà difficile rivederlo in granata. Detto questo, il ds Goretti ha ricevuto mandato dalla società di inserire in organico dei giovani da valorizzare, quindi atleti di proprietà della Reggiana che siano da ritenere dei titolari o valide alternative. Tutto lascia pensare che si arriverà ad alcune cessioni: ad esempio uno tra Venturi e Voltolini oppure un paio di difensori soprattutto se Cremonesi rinnoverà il contratto. È difficile indicare chi, perché molto dipenderà dalla fattibilità della cessione senza utilizzare l'incentivo all’esodo. La cessione di Cauz in serie B potrebbe trattenere Camigliano o viceversa. Laezza è al rientro dall'infortunio e non ha mercato.

I RINFORZI E IL BUDGET
Facile immaginare che il ds Goretti opererà un innesto per ogni reparto. Quindi un portiere, un difensore, un centrocampista e un attaccante. Il tutto dovrà essere accompagnato anche da alcune cessioni per mantenere un organico che non superi i 24/25 atleti tra esperti e giovani. Occorre anche tenere presente che la società ha chiesto possibilmente di diminuire il portafoglio giocatori per compensare la mancanza del “paracadute” e mantenere così inalterato il budget per una squadra che punta alla serie B. Molto dipenderà anche dalle risposte della piazza, a iniziare dalla campagna abbonamenti. Ciò che appare chiaro è che Goretti attingerà dalla B per inserire dei giovani di prospettiva e che in serie C potranno fare la differenza. Per questo motivo si rifletterà cercando di cogliere le occasioni basandosi sull’esperienza del ds. Un concetto che Diana ha sottolineato parlando di mercato: «Mi affido alla conoscenza della B del ds».

IL COLPO GROSSO
Come accade tutti gli anni ci sarà l'occasione di ingaggiare un rinforzo di lusso. Lo scorso anno a far cambiare gli equilibri sono stati gli arrivi in extremis di Cigarini, Lanini e Sciaudone. Quest'anno, probabilmente, il colpo da novanta riguarderà un attaccante, tenendo però conto che Diana dispone già di Arrighini, Zamparo, Neglia, Rosafio e Sorrentino. Logico che tutto il mercato sarà anche in funzione del modulo tattico indicato dal mister che ormai è orientato a variare dalla difesa a tre a quella a quattro. Due moduli di gioco che Rozzio e soci ormai conoscono alla perfezione e che il Goretti vorrà solo rafforzare.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.