Calcio

La Reggiana programma la serie B

Wainer Magnani
La Reggiana programma la serie B

Oggi all’Immergas la proprietà approverà il bilancio di previsione per il prossimo anno. L’obiettivo dichiarato dal club granata è di riuscire a centrare una salvezza tranquilla

20 maggio 2023
4 MINUTI DI LETTURA





Reggio Emilia Questa mattina nella sede dell’Immergas a Lentigione si ritroveranno attorno a un tavolo i soci della Reggiana per mettere a punto gli ultimi particolari del bilancio preventivo per la stagione 2023/24 che segnerà il ritorno dei granata in serie B. Saranno ospiti del patron Romano Amadei il presidente Carmelo Salerno, il vice presidente Giuseppe Fico e il dg Vittorio Cattani. A illustrare i numeri del budget granata sarà Eugenio Imbergamo, manager di Immergas prestato al club granata, mentre spetterà al presidente Salerno relazionare sulle strategie future della Reggiana.

Lo sforzo economico

La doverosa premessa è il sacrificio economico che la proprietà ha fatto nel corso di questa stagione aumentando considerevolmente il finanziamento alla società che supererà i 6 milioni di euro. Il bilancio sarà pubblico a fine stagione e che confermerà la ferrea volontà dell'attuale proprietà di voler vincere a tutti i costi il campionato di C. La proprietà rispetto agli investimenti fatti nel 2021/22 (4,6 milioni di euro) ha ulteriormente alzato l’asticella.

Obiettivo salvezza

Questa mattina si parlerà di sostenibilità aziendale da raggiungere nel volgere di due o tre anni mentre per la prossima B l’obiettivo è quello di disputare un campionato tranquillo cercando di “mettere radici” nella cadetteria. È per questo motivo che rispetto all'ipotesi iniziale di un budget gestionale di 14/15 milioni si è pensato di aumentarlo del 15% proprio per avere maggiori risorse da destinare all'area sportiva. In soldoni si tratta di un bilancio preventivo che sfiora i 17 milioni di euro e di questi 12 milioni (il 70% del budget) saranno destinati al personale, vale dire agli stipendi dei giocatori e dello staff tecnico. Non è una cifra a caso dato che i soci in queste settimane hanno fatto una serie di ricerche per capire quali sono i costi per giocatori di B. Da questi dati è emerso che la forbice è dai 300mila agli 800mila euro costo azienda (ingaggio netto più il 124% di tassazione) in relazione al ruolo e all'importanza dell'atleta, per una media che si può attestare attorno ai 400mila euro.

Cinquemila abbonati

Nella voce “attivi” la proprietà è rimasta prudente fissando in 7 milioni gli introiti della Lega per i diritti tv e dalla legge Melandri per l'utilizzo dei giovani. Cifra che potrebbe aumentare di un milione se l’utilizzo dei giovani sarà maggiore. Un’altra voce tenuta, forse, al ribasso fa riferimento all'incasso al botteghino fissato tra abbonamenti e biglietteria sui 2 milioni di euro. Il che significa ipotizzare cinquemila abbonati e una media di mille biglietti a partita venduti ai tifosi ospiti e altrettanti ai tifosi locali. L’ultimo dato nella voce introiti fa riferimento alle sponsorizzazioni che si confermeranno sui 3 milioni di euro, tenendo anche con del minor spazio pubblicitario dato che il 30% deve essere destinato alla Lega di B.

Nuovi sacrifici

La proprietà è dunque pronta a finanziare la Reggiana in modo massiccio con 4/5 milioni di euro, attraverso sponsorizzazioni o ricapitalizzazioni, sempre che ovviamente le voci prese in esame non si dimostrino al ribasso. Ma è anche possibile che vi siano uscite extra a livello di mercato invernale. In ogni caso i soci granata hanno messo in preventivo di offrire al ds Goretti un “tesoretto” per allestire una squadra che possa ben figurare nella prossima B.

La filosofia

I soci granata non entreranno nelle strategie di mercato ma daranno carta bianca al direttore sportivo Roberto Goretti dimostrando massima fiducia nel manager umbro. Non entreranno nemmeno nel merito della conferma o meno dell'allenatore Aimo Diana e del suo staff ma ci sarà una semplice raccomandazione: l’opzione di avere a libro paga due staff tecnici in caso di non conferma dell’attuale mister deve rientrare nel budget prefissato. È possibile che siano date delle indicazioni sui rinnovi dei contratti agli Over 30 con vincoli solo annuali.

Il nuovo organico

È bene tenere presente che la normativa in vigore quest'anno per la Serie B prevede un vincolo a livello d’organico di un massimo di 18 Over più due giocatori “bandiera” vale a dire atleti che hanno giocato consecutivamente per quattro anni nella Reggiana. Gli Under sono in numero illimitato, mentre sarà possibile cedere o tesserare solo sette prestiti da altre società. In Serie B non è possibile tesserare giocatori extracomunitari.

Il paracadute

Il sostegno alle squadre retrocesse dalla Serie A avrà una notevole incidenza a livello di mercato. La Sampdoria, se sarà regolarmente iscritta, avrà un contributo di 25 milioni, la Cremonese di 10 milioni. Se retrocederanno Verona o Spezia avranno un tesoretto di 25 milioni, il Lecce di 10 milioni.l