video
emilia-romagna
Reggio Emilia, gli alberi diventano parlanti: la storia del parco raccontata con la realtà aumentata
E' stata inaugurata al parco delle Caprette l’installazione permanente “il parco degli alberi narranti”, che grazie a una app, permette di conoscere la storia dell’area verde, degli animali che la popolano e delle persone che nel tempo l’hanno curata e protetta.  L’iniziativa è nata nell’ambito del progetto "Qua_quartiere bene comune" ed è stata realizzata in collaborazione con il Comitato Monte Cisa attraverso l’intervista ai “veterani” del comitato stesso che hanno permesso di rivivere e mettere in fiaba la nascita del parco, i giorni dell’alluvione, la storia delle asine e degli alberi, il contributo di Paride Allegri e al figura dell’educatrice Maria Olivi a cui il parco è dedicato. In un breve percorso da effettuare a piedi, si potranno ascoltare fiabe e racconti dalle parole di alcuni alberi dai nomi curiosi: l’Arcalbero Gabriele, presidente degli alberi e figura storica di grande rilievo; il Pioppo Gastone, fido custode degli animali e delle piante, grande amico dell’Arcalbero Gabriele; Alberballetto, chiacchierone, spiritoso e acuto osservatore dei comportamenti umani; Ivonne Magnolia, simpatica e dolce, dal cuore grande come il parco stesso; Adrasto detto il Pino, curioso, simpatico e gentile con tutti; Abbraccialbero, sensibile, malinconico e sempre in cerca di abbracci; il Liquidambar che sussurrava alle caprette, il più giovane alberello tra i grandi; l’Albero del Gattobardo, unico testimone di una storia molto curiosa; l’Albero della Civetta cantastorie, tappa preferita della civetta che vide la famosa “casina del bosco” e infine i Ricord’Alberi, compagni da sempre e memoria collettiva del parco…Video Enrico Rossi

Gli altri video

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.